Doghe in Gres Porcellanato lunghezza 240 cm, una novità esclusiva ed ambiziosa

Presentiamo in anteprima nel blog l’ultima innovazione firmata Kronos Ceramiche, il nuovo formato del decking 240x30cm, il gres porcellanato con spessore 18mm.

DeckWay, la nuova frontiera nelle dimensioni del Gres Ceramico

L’evoluzione tecnologica Kronos presenta una importante innovazione nel settore dei pavimenti per esterni ad alte prestazioni. Le lastre spessorate in gres porcellanato per esterni Kronos, da oggi sono disponibili anche in un nuovo, straordinario formato con doghe di 30x240cm, e spessore 18mm.
La nuova tecnologia ha permesso di raggiungere l’estetica e soprattutto il formato tipico delle doghe in legno.

Grazie alla eccezionale lunghezza di 240cm, il sistema Kronos permette finalmente di creare pavimenti esterni in gres porcellanato con la caratteristica posa decking, a doghe parallele. Alla naturale bellezza della materia si aggiungono così le eccezionali caratteristiche di resistenza e affidabilità del gres Kronos, per un’estetica davvero a prova di intemperie.

La lastra da 18 mm di spessore è modulare per esterni, perfetta per pedane sopraelevate e pavimentazioni a secco da esterno.
E’ inoltre un prodotto green che permette di ricreare il calore del legno e allo stesso tempo rispettare la natura.

Il formato 240×30 fino ad un’anno fa sembrava tecnicamente irrealizzabile. Le competenze tecnologiche di Kronos, applicate costantemente alla ricerca di nuove soluzione architettoniche ci hanno permesso di centrare questo obiettivo.

Area+, la nuova frontiera nel campo delle pedane sopraelevate

Innovativo e versatile, anche per posa a doghe e multiformato.

L’esclusivo sistema di posa sopraelevata per esterni Area+ di Kronos amplia le potenzialità di applicazione e facilita la creazione di nuove configurazioni di posa, attraverso una funzionale sottostruttura a doghe.
Ideale per la posa effetto decking formato: cm 30×240 con spessore 18mm, Area+ offre diversi vantaggi.

  • facilita enormemente la posa multiformato in sopraelevato
  • rende possibile la posa in sopraelevato di formati di ridotta larghezza (anche doghe di 20cm)
  • ottimizza e contiene i costi della sottostruttura
  • mantiene l’ispezionabilità dell’intercapedine e la possibilità rimuovere le lastre

 

piedini

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *